Sotto il cielo della Gallura, un ragnatela di colori d'autore. Ecco la "nuova" Piazza Fabe... 3083 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/04/2019
Il Whitney Museum di New York mette online le risorse sulla sua biennale
20/04/2019
Le squadre della Eredivisie giocano a calcio con Rembrandt
19/04/2019
Whisky e arte a go go, nella nuova distilleria di Bob Dylan
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Sotto il cielo della Gallura, un ragnatela di colori d'autore. Ecco la "nuova" Piazza Faber di Tempio Pausania, firmata da Renzo Piano e Alvisi Kirimoto

   
   
 
Sotto il cielo della Gallura, un ragnatela di colori d'autore. Ecco la "nuova" Piazza Faber di Tempio Pausania, firmata da Renzo Piano e Alvisi Kirimoto
pubblicato

La piazza si chiama Faber, in memoria di Fabrizio De Andrè; l'installazione, nel centro di Tempio Pausania, è firmata da Alvisi Kirimoto + Partners insieme a Renzo Piano, ideatore dell'intervento.
Una ragnatela colorata, con una serie di vele, che ombreggia e valorizza la piazza del mercato, un omaggio d'autore che in realtà è scaturito dall’amicizia che legava il grande architetto genovese con il grande cantautore che in Sardegna aveva ritrovato la sua casa, che vuole anche porre l’attenzione sull’importanza dei piccoli centri del territorio italiano. L'opening, stasera, vedrà anche la presenza di Studio Azzurro, e della videoinstallazione I Tarocchi, allestita per l’occasione all’interno dell’edificio dell’ex-mercato.
Ed è stato partendo dall’idea di Renzo Piano di "catturare i raggi di luce e i suoi colori" che si è spostato il punto di azione in alto, al di sopra della piazza, costringendo chi passa a guardare oltre i tetti, a confrontarsi con il grigio degli edifici e il colore del cielo, annullando i margini spigolosi dell’area, ha spiegato l’architetto Massimo Alvisi.
Ed ecco scoprirsi, così, 12 triangoli di tessuto di diverse dimensioni, avvolgibili attorno a rulli motorizzati con un meccanismo simile a quello della vela nautica, per mettere in scena un gioco di funi e anche l'idea del mare alle porte. E, appunto, per ritrovare una piazza e la storia, anche ricordando una antica passione di Fabrizio De André per i pastelli Faber-Castell, da cui il soprannome datogli dagli amici, che fa ritrovare le punte e i colori delle matite, sospese tra le pareti di granito.

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram