A Prato, un weekend contemporaneo, con il festival PuntoCon e il Centro Pecci 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/12/2018
Stranger Things, dalla serie tv al videogioco in 16-bit
18/12/2018
Oscar 2019: Dogman fuori dalle nomination come miglior film straniero
17/12/2018
Scoperta in Egitto la tomba di un alto sacerdote, perfettamente conservata dopo 4mila anni
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

A Prato, un weekend contemporaneo, con il festival PuntoCon e il Centro Pecci

   
   
 
A Prato, un weekend contemporaneo, con il festival PuntoCon e il Centro Pecci
pubblicato

Ancora un weekend contemporaneo per Prato, tutto da vedere, da ascoltare e anche da agire. 
Il 14 ottobre, il Centro Pecci presenterà "Più vicino-più lontano", la prima retrospettiva in Italia dedicata a Józef Robakowski, maestro del cinema d’avanguardia polacco, tra i registi sperimentali più influenti, coordinatore e fondatore di diversi movimenti artistici tra gli anni ’60 e i ’70. La mostra, a cura di Bożena Czubak, racconta il percorso di ricerca di Robakowski, dalle prime opere a quelle più recenti, con una selezione di film, video e documentazioni, che testimonia un metodologia di lavoro cui l’approfondimento del mezzo tecnico e l’estetica del linguaggio visivo erano coincidenti. 
Entra nel vivo anche PuntoCon che, dal 13 al 15 ottobre, proporrà il suo calendario dedicato alle diverse pratiche artistiche, tra concerti, talk e workshop. La manifestazione è stata organizzata da PuntoCon Contemporaneo Condiviso, network di dieci soggetti no-profit operanti nel contemporaneo – Artforms, Associazione [chi-na], C.U.T Circuito Urbano Temporaneo, Dryphoto Arte Contemporanea, Kinkaleri_spazioK, Lato - MOO, Lottozero, Sedici, Studio Corte 17, StudioMDT – ed è stata promossa e sostenuta dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Prato, con il supporto del MiBACT e di SIAE, nell'ambito dell'iniziativa Sillumina-Copia privata per i giovani, per la cultura. Dopo la presentazione del progetto MacroLotto Zero, organizzato da Kinkaleri, Dryphoto e [chi-na] e concluso con una festa di quartiere, questo lungo fine setimana inizierà alle 21 di venerdì, 13 ottobre, presso la sede dell’Associazione Sedici, con un incontro dedicato al fotografo e documentarista Dario Bosio. Sabato, 14 ottobre, nella suggestiva sede di Lottozero, centro di ricerca sull’arte, sul design e sul tessile fondato da Arianna e Tessa Moroder in un magazzino abbandonato, inizierà una due giorni di festa, con musica e, ai fornelli, gli artisti Robin Darius Dolatyari e Chloé Rozycka Sapelkine, ospitati nel corso di una residenza. Ad Artforms sarà inaugurata l’installazione Covo-Nius learning to fly, progetto ideato da Pamela Gori ed Eva Sauer, con performance sonora di Samantha Bertoldi. Domenica, 15 ottobre, sarà la volta di Stregoni, concerto/laboratorio musicale di Johnny Mox e Above The Tree, realizzato partendo dalla manipolazione delle playlist ascoltate e custodite negli smartphone, dai rifugiati e dai richiedenti asilo. 
Il calendario completo si può consultare qui
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram