Milano, un nuovo direttore per la Fondazione Trussardi. E' Massimiliano Gioni 3058 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Milano, un nuovo direttore per la Fondazione Trussardi. E' Massimiliano Gioni

   
   
 
pubblicato

La Fondazione Nicola Trussardi con la nomina del critico e curatore Massimiliano Gioni a direttore artistico inizia una nuova avventura e l'arte contemporanea con le sue mille sfaccettature diventa il suo principale spazio d'azione e di ricerca.

Massimiliano Gioni è tra i giovani curatori italiani più attenti ai rapidi sviluppi dell'arte contemporanea nazionale e internazionale. Con la sua direzione la Fondazione vuole trasformarsi in una struttura flessibile, mobile: un vero e proprio laboratorio per la produzione e la realizzazione di importanti eventi d'arte.

Dopo anni di attività svolta nella prestigiosa sede di Piazza della Scala, la Fondazione Trussardi guarda ora al di là dei propri confini e dei propri spazi per incontrare e coinvolgere la città di Milano. Il progetto, che verrà illustrato nei dettagli nei prossimi mesi, ha come punto cardine quello di portare le nuove ricerche dell'arte contemporanea italiana e internazionale nei luoghi storici e istituzionali di Milano come in altri più nascosti e sconosciuti, direttamente a contatto con il pubblico.

Questa scelta rappresenta un'evoluzione naturale della Fondazione suggerita anche dalle sue attività precedenti e ancora prima dalla tradizione stessa Trussardi che ha sempre cercato nuove possibilità di scambio tra il pubblico di Milano e le espressioni più vive della contemporaneità.
Raccogliendo questa eredità, la Fondazione lavorerà alla creazione di eventi flessibili, veloci e temporanei: l'arte può regalare una nuova identità alla città, entrando nella nostra vita quotidiana e pubblica per arricchirle di nuovi linguaggi e di nuove esperienze.

Oltre all'attività espositiva, che avrà inizio nella primavera del 2003, la Fondazione Trussardi promuoverà altri progetti con l'intento di coinvolgere maggiormente i protagonisti della scena artistica contemporanea. L'arte oggi ha preso possesso di ogni mezzo espressivo e ci stiamo abituando ai suoi continui sconfinamenti tra le diverse discipline. Con questa visione la Fondazione Trussardi vuole realizzare una serie di iniziative con gli artisti e i critici più interessanti e stimolanti del panorama internazionale che saranno invitati di volta in volta a collaborare a eventi editoriali, incursioni tra i diversi linguaggi artistici, convegni e pubblicazioni.

"Modificandosi a ogni apparizione - spiega Massimiliano Gioni - la Fondazione sarà più libera di lavorare in situazioni miste, frammentarie e plurali, rispettando le esigenze del pubblico, della città e degli artisti".
"La Fondazione si muoverà tra innovazione e tradizione - sottolinea Beatrice Trussardi, Presidente della Fondazione - iniettando nuova energia nei luoghi storici, centrali, stratificati di significati e tradizioni ".

Proprio per rilanciare lo scambio tra la cultura contemporanea e la città di Milano, la Fondazione Trussardi sta già lavorando a un primo progetto editoriale che coinvolge le personalità di spicco della creatività milanese, spaziando dalla moda all'architettura, dal design all'arte contemporanea.
Scrittori, intellettuali, architetti, artisti e designer sono stati invitati a scegliere un'immagine che rappresenti Milano come città aperta, in evoluzione e in continuo cambiamento, per comporre un archivio ideale, una mappa immaginaria e un panorama personale della città. Le immagini saranno raccolte in una piccola pubblicazione che verrà inviata ai critici, giornalisti e operatori culturali internazionali. La pubblicazione sarà distribuita gratuitamente presso librerie, gallerie d'arte e musei.


Massimiliano Gioni nasce in provincia di Milano nel 1973. Ha lavorato come critico e curatore in Italia e all'estero.
Oltre a essere direttore artistico della Fondazione Nicola Trussardi è uno dei consulenti scelti per la presentazione della collezione Dakis Joannou ad Atene in occasione delle Olimpiadi del 2004.
Dopo la laurea in Storia dell'arte presso il Dipartimento delle Arti e dello Spettacolo dell'Università di Bologna, Massimiliano Gioni è stato a lungo redattore della rivista d'arte contemporanea Flash Art e per la stessa rivista è stato corrispondente da New York dal 2000 al 2002. In qualità di editor e redattore ha inoltre collaborato per diverse Case Editrici tra cui Phaidon, Londra; Presses du Reel, Parigi; Rizzoli, Milano-NewYork; Mondadori, Milano; Charta, Milano. Nel 1997 ha fondato Trax, rivista di cultura digitale, una tra i primi magazine on line in Italia. Dal 2001 dirige con Maurizio Cattelan e Ali Subotnick la rivista di immagini "Charley".
Come curatore ha collaborato con diverse istituzioni e musei in Italia e all'estero tra cui il PS1-Museum of Modern Art, New York; La Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino; Pitti Immagine, Firenze; Les Museés de la Ville, Parigi; Museum in Progress, Vienna.
Massimiliano Gioni ha partecipato a numerosi convegni e dibattiti sull'arte contemporanea presso Università e Musei di tutto il mondo tra cui New York University, School of Visual Arts, New York, Wolker art Center, Minneapolis, Yale University, New Haven, New York, CCA, Kytakyushu.
_____________
Fondazione: P.zza della Scala, 5 – 20121 Milano
t. 02/8068.821 – f. 02/8068.8281 – e-mail info@fondazionenicolatrussardi.com


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Ali Subotnick, Beatrice Trussardi, Dakis Joannou, Massimiliano Gioni, Maurizio Cattelan, Nicola Trussardi, Pitti Immagine, Rossi
 

1 commento trovato 

17/10/2002
Marco Altavilla, Bologna
ecco spiegato il "fuggi fuggi" generale della crew curatoriale milanese...in bocca al lupo al nuovo direttore della Fondazione Trussardi

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram