Futuro da Lafayette. A Parigi, Rem Koolhaas firma una nuova fabbrica della creatività 3096 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/09/2018
Il fine settimana del Patrimonio. Sabato aperture serali a 1 euro in tutta Italia
21/09/2018
Babele e Stradivari. A Venezia, la Santa sede presenta una giornata di architettura e musica
21/09/2018
Donald Trump dietro le sbarre. Vandalizzata la stella del Presidente sulla walk of Fame
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Futuro da Lafayette. A Parigi, Rem Koolhaas firma una nuova fabbrica della creatività

   
   
 
Futuro da Lafayette. A Parigi, Rem Koolhaas firma una nuova fabbrica della creatività
pubblicato

«Quello che vedrai non esiste ancora». Con questo motto aprirà, dal 10 marzo, Lafayette Anticipations. Di che si tratta? Di uno spazio espositivo e di produzione artistica multidisciplinare, voluto da Fondation d’entreprise Galeries Lafayette e interamente dedicato alla creazione contemporanea nel campo dell'arte, della moda e del design, con l'obiettivo di presentare solo opere nuove. 
Lafayette Anticipations, a Parigi, al 7 rue du Plâtres, si estende su una superficie di 2200 metri quadrati e si disloca su sette piani di un edificio della fine del XIX Secolo, organizzato intorno a un cortile. Una vecchia struttura industriale, ripresa dall'architetto Rem Koolhaas, che si è trasformata in una nuova fabbrica dedicata alla creatività, con un laboratorio di produzione e uno Studiolo dedicato alle collaborazioni tra artisti e pubblico, mentre lo spazio espositivo è completamente adattabile, grazie a 49 configurazioni diverse. 
Lutz Bacher inaugura lo spazio con "The silence of sea”, una mostra introspettiva che si concentra sul ruolo politico delle immagini e sulla loro circolazione. L’artista americana ha lavorato su tutte le superfici dello spazio, dal pavimento alle finestre e ai muri, che accolgono proiezioni di immagini. Per quanto riguarda le attività curatoriali, sono previste delle residenze triennali rivolte a professionisti internazionali. Tanto per cominciare, troviamo, con la direzione di François Quintin, il francese Charles Aubin, l’inglese Anna Colin e Hicham Khalidi, olandese di origine marocchina. Non possono mancare una libreria con molte novità e un ristornate sulla scia dello slow food. Ancora molto da scoprire, sabato e domenica, durante l’inaugurazione a ingresso libero. (Livia De Leoni)
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram