Beatrix Ruf riabilitata. L’ex direttrice dello Stedelijk scagionata dal conflitto di inter... 3070 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
21/06/2018
Blu Submarine. Un video di 10 ore della BBC mostra la fluttuante vita degli oceani
20/06/2018
Quattro componenti per la nuova Commissione per il Sistema museale nazionale
20/06/2018
Fendi e Nico Vascellari ancora insieme, per la collezione maschile estate 2019
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Beatrix Ruf riabilitata. L’ex direttrice dello Stedelijk scagionata dal conflitto di interessi

   
   
 
Beatrix Ruf riabilitata. L’ex direttrice dello Stedelijk scagionata dal conflitto di interessi
pubblicato

Un rapporto di 120 pagine getta una nuova luce sul caso di Beatrix Ruff, assolvendo l’ormai ex direttore dello Stedelijk Museum di Amsterdam che, a ottobre 2017, si era dimessa a seguito di un presunto caso di conflitto di interessi
Ruf era stata accusata di mancanza di trasparenza nei negoziati con i principali donors e sostenitori del museo olandese e per il suo servizio di consulente artistico in altre realtà, dalla giuria per diversi premi alla direzione della JRP Ringier Kunstverlag AG, incarichi che, secondo quanto riportato dalla stampa olandese e in particolare dal quotidiano liberale NRC, dovevano essere incompatibile con la sua posizione di direttore. Casus belli, una donazione di 600 opere da parte di Thomas Borgmann, annunciata l'anno scorso, tra cui figurano pezzi di Wolfgang Tillmans, Lucy McKenzie e Cosima Von Bonin. Borgmann doveva inoltre prestare a lungo termine un gruppo di dieci opere monumentali e grandi installazioni di Isa Genzken e Martin Kippenberger ma pare che la donazione fosse uno scambio: il museo avrebbe infatti acquisito opere di Michael Krebber, di proprietà del donatore, per 125mila euro ciascuna, nonché una installazione monumentale Matt Mullican, per 750mila. La notizia fece subito scalpore e immediati furono gli appelli per sostenere l’ex direttore, tra i quali una petizione firmata da Marina Abramovic, Rem Koolhaas, Sadie Coles, Wolfgang Tillmans, Stefan Kalmár, Philip Glass e Laurie Anderson
Nel rapporto redatto dagli investigatori esterni, gli specialisti legali Sjoerd Eisma e Jan Peeters, non solo si è messo in evidenza come Ruf avesse rispettato il Dutch Cultural Governance Code ma sono state mosse anche aspere critiche nei confronti del Consiglio di sorveglianza dello Stedelijk, per la gestione della questione. «Sono gratificata dal lavoro degli investigatori che mi hanno completamente scagionata. Contrariamente alle storie diffuse dalla stampa, la conclusione è che io ho sempre agito con integrità, tutte le mie attività collaterali erano state approvate. Ma soprattutto sono stata toccata dalla loro conclusione, che afferma come io mi sia sempre dedicata, corpo e anima, allo Stedelijk», è la dichiarazione di Ruf. 
Intanto, le sue dimissioni hanno sortito anche altri, inevitabili strascichi. Il 12 giugno, infatti, tre dei suoi membri hanno rassegnato le dimissioni, tra cui la presidente Madeleine de Cock Buning e il museo rimane gestito dall'amministratore delegato, Jan Willem Sieburgh.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Manifesta 12 - Palermo - La guida con tutti gli eventi e non solo
trovamostre
@exibart on instagram