Lo street artist italiano Jorit Agoch rilasciato dalla polizia israeliana 3075 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
24/06/2019
Creare un'opera in galleria. A Parma il secondo appuntamento di ART in PROGRESS
24/06/2019
A Lucca torna LuBi, la Biennale internazionale della carta. Aperte le iscrizioni per partecipare all’evento
22/06/2019
L'Adidas ha annunciato una capsule collection omaggio a Keith Haring
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Lo street artist italiano Jorit Agoch rilasciato dalla polizia israeliana

   
   
 
Lo street artist italiano Jorit Agoch rilasciato dalla polizia israeliana
pubblicato

Dopo 24 ore di fermo, è stato rimesso in libertà Jorit Agoch, lo street artist italiano trattenuto dalla polizia israeliana e interrogato in merito a un suo murale di 4 metri, disegnato sulla Barriera di sicurezza di Betlemme, il cui soggetto era Ahed Tamimi, la ragazza palestinese di 17 anni, in carcere dal dicembre 2017 con l'accusa di oltraggio a militari israeliani, rilasciata proprio ieri dalla prigione di ha-Sharon e accolta in Cisgiordania come un'eroina. 
Jorit, nato a Napoli da madre olandese e conosciuto per i suoi grandi murales di personaggi come Diego Armando Maradona, Massimo Troisi, San Gennaro e Achille Bonito Oliva, è stato espulso da Israele e non potrà ritornarvi per 10 anni. L’ambasciata italiana si era subito mossa e aveva seguito con apprensione la vicenda anche il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris. Ancora in stato di fermo gli altri due street artist bloccati dalla guardia di frontiera a Betlemme nella stessa occasione. 
«Ci siamo spaventati, quando i militari, impugnando i fucili d'assalto, hanno sbarrato la strada. D'improvviso, senza ragione», ha raccontato Jorit. «Ci hanno portato in una stazione di polizia, trattato in maniera abbastanza rude e sistemato su una panca di ferro molto fredda, in uno spazio comune con altre persone. Impossibile dormire. Il giorno dopo, alle 14, ci hanno trasferito in un altro posto», più vicino a Tel Aviv. «Sollievo, anche grazie all'ottimo lavoro svolto dalla nostra ambasciata a Tel Aviv e dal nostro consolato a Gerusalemme, in stretto raccordo con la Farnesina», ha sottolineato il ministro degli Affari esteri, Enzo Moavero Milanesi. «Le accuse di danneggiamento, per aver imbrattato il muro, e violazione della zona militare sono state cancellate», ha spiegato l'avvocato Masalha Azmi, che è riuscito a evitare il processo e si prepara a presentare ricorso per far cadere il divieto di accesso nello Stato.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram