Una storia neorealista. Marco Panizza ci parla del passato e del futuro del Premio Suzzara 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/02/2019
La Reggia di Versailles come non l'avevate ancora vista. In 3D
15/02/2019
Tutte le poesie di Kandinskij, in un nuovo volume a colori
14/02/2019
Tecnologia in gioco, per l’arte. Una conversazione all’Accademia di Verona
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Una storia neorealista. Marco Panizza ci parla del passato e del futuro del Premio Suzzara

   
   
 
Una storia neorealista. Marco Panizza ci parla del passato e del futuro del Premio Suzzara
pubblicato

Il Premio Suzzara compie 70 anni e guarda avanti, forte di 49 edizioni e di una collezione di oltre ottocento opere, ospitata nell’omonimo museo pubblico, orgoglio dell’operoso Comune in provincia di Mantova. L’intuizione fu del pubblicitario Dino Villani e di Cesare Zavattini, con il supporto di Stefano Cairola, e risale al 1948, quando più che di dialogo tra arte e impresa si parlava di rapporto paritetico tra lavoro culturale e lavoro contadino. Erano gli anni del Neorealismo, a Suzzara cresceva un distretto industriale ricco e diversificato e nella giuria del Premio figuravano intellettuali di livello nazionale e internazionale, al fianco di operai, impiegati e contadini, a rappresentare tutti i settori della produttività e le corrispettive classi sociali. Gli artisti vincitori si aggiudicavano i prodotti della terra e cedevano le loro opere al Comune e al Premio parteciparono artisti come Emilio Vedova, Enrico Baj, Renato Guttuso, Renato Birolli, Ottone Rosai, le cui opere adesso sono esposte nella Galleria del Premio Suzzara. E adesso il Comune di Suzzara, attraverso il Museo, ha deciso di celebrare un nuovo inizio, ripensando alle fondamenta del Premio, proponendo una formula innovativa, i cui primi risultati sono stati presentati domenica, 7 ottobre. Così, il Museo Galleria del Premio Suzzara entrerà in rapporto diretto con le aziende per consolidare il rapporto tra il mondo dell’arte e quello dell’industria, una pratica collaborativa e virtuosa che coinvolgerà gli artisti e promuoverà la progettualità condivisa. Marco Panizza, conservatore del Museo Galleria del Premio Suzzara, ci ha raccontato tutto. 

Il Premio Suzzara riparte da una storia importante e significativa, tanto per gli artisti che vi hanno partecipato che per il legame con il territorio. Quanto è importante, oggi, riscoprire la potenzialità del dialogo tra creatività e luoghi? 
‹‹C’è un evento che ha segnato il paesaggio e la storia culturale di Suzzara: nel 2002 è nato il museo Galleria del Premio Suzzara forte di una storia iniziata nel 1948, caratterizzata dal connubio tra arte contemporanea e lavoro. La presenza del Museo si manifesta soprattutto sul piano educativo, proprio perché riteniamo prioritaria la potenzialità del dialogo tra creatività e luoghi. Quindi svolgiamo una intensa attività laboratoriale nei confronti di qualsiasi tipologia di pubblico: dalle scuole materne al liceo, utenti dei servizi psichiatrici, profughi; teniamo corsi di formazione, laboratori per insegnanti educatori di tutti i musei della Provincia di Mantova››. 
In questo rapporto si inserisce poi un terzo interlocutore: le aziende. Qual è il loro ruolo nel premio? E sul territorio? 
‹‹Siamo una zona agricolo industriale dalla seconda metà dell’800, "Lavoro e lavoratori nell’arte” fu il titolo che Dino Villani inventore del Premio diede alla manifestazione. Le opere vincitrici erano premiate con prodotti del lavoro agricolo industriale: da vitelli e maiali a pompe idrauliche e fogli di compensato perché, secondo Villani, "Un vitello per un quadro, non abbassa il quadro: innalza il vitello”. Si ribadiva l’equivalenza tra lavoro intellettuale e lavoro manuale. "Arte lavoro e impresa” è la formula che racchiude la nostra storia. Quindi abbiamo deciso di coinvolgere direttamente le aziende non come sponsor ma come protagoniste insieme agli artisti e al museo. Nel ruolo di mediatore il Museo ha raccolto 26 artisti che ispirandosi a parole chiave ricavate dalla visita del gruppo di lavoro del Museo ad una decina di aziende, hanno prodotto 30 progetti. Abbiamo sottoposto alle aziende le proposte e chiesto loro di produrre le opere che ritenevano vicine alla propria sensibilità, ai propri gusti. Ogni opera nasce dalla collaborazione tra azienda e artista e diventa proprietà del Museo, ovvero bene comune, con la possibilità per l’azienda produttrice di utilizzarla per i propri programmi. L’opera, a scelta dell’azienda produttrice, può essere collocata nello spazio urbano o presso l’azienda stessa››. 
Sarà Sabrina D’Alessandro a presentare il primo progetto. Di cosa si tratta? Come è stato sviluppato? Come si lega con Suzzara? 
‹‹Sabrina D’Alessandro con il suo Urps-Ufficio Resurrezione Parole Smarrite, ha voluto raccontare l’identità del territorio attraverso parole rare o cadute in disuso, ma notevoli per la loro sonorità e le idee che contengono. Queste parole si diffonderanno per la città, trasformate in scultura, installazione e performance musicale. Il primo progetto, prodotto da Tea SpA e collocato di fronte al Monumento ai caduti, è un’opera pubblica. la panchina Fannonnòla, attraverso cui l’artista esprime l’operosità del territorio suzzarese nel suo… contrario, come racconta: "il contrario del fare si concretizza in una panchina fannònnola, ovvero che non fa e non vuole fare nulla. (…). Il senso di questa panchina sta nel ricordare quanto il fare e la produttività siano impossibili senza l’ozio”. Il secondo progetto Parole suzzaresi prodotto da Paxxion Srl, è un’installazione a cielo aperto accompagnata da una performance. Sabrina D’Alessandro ha recuperato parole rare dell’arte, dell’industria e del dialetto appunto suzzarese che metterà in mostra attraverso un’installazione sui palazzi della piazza principale e che saranno poi protagoniste la mattina del 7 ottobre di una performance-parata con la banda di Gonzaga››. 
Quali saranno i prossimi passi? 
‹‹Il progetto è un work in progress. Andremo avanti quindi a raccogliere nuovi progetti da parte di artisti predisposti a questa sperimentazione e a coinvolgere nuove imprese altrettanto inclini alla sperimentazione. È e sarà un laboratorio i cui risultati verranno periodicamente resi pubblici. L’inaugurazione di domenica 7 ottobre ha segnato l’inizio ufficiale di un nuovo corso, ma anche antico››.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram