Per i novant’anni di Ezio Gribaudo. La forza e la tenacia di un artista dai tanti volti 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/03/2019
La casa di Philip Roth a New York è in vendita
26/03/2019
Addio ad Andrea Emiliani. Si spegne una voce forte della storia dell’arte italiana
25/03/2019
Bolzano29 è il nuovo spazio di Milano dove far circolare idee
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Per i novant’anni di Ezio Gribaudo. La forza e la tenacia di un artista dai tanti volti

   
   
 
Per i novant’anni di Ezio Gribaudo. La forza e la tenacia di un artista dai tanti volti
pubblicato

Ezio Gribaudo è una delle personalità più versatili del panorama artistico italiano dalla seconda metà del Novecento in poi. Torinese, pittore, scultore, grafico, editore, animatore culturale, è riuscito sapientemente a miscelare tutti questi aspetti ponendosi quindi come una personalità unica. Oggi, a novant’anni, combattivo e sperimentatore, porta avanti la sua attività artistica nello studio di via Biamonti, un luogo incantato sulle colline della sua città, attorniato da pennelli, colori, tele, oggetti e libri. 
Se, da un lato, Ezio Gribaudo è conosciuto per la sua amicizia con gli artisti che hanno segnato il XIX secolo e per la sua nota attività nel campo della grafica e dell’editoria, dall’altro, è importante sottolinearne la sua produzione artistica in senso puro, dipinti e sculture. Un percorso singolare, scandito da serie e temi, dove l’oggetto e la parola sono talvolta coprotagonisti di una ricerca espressiva, di volta in volta, legata a tecniche differenti che, spesso, hanno a che fare con i materiali e gli oggetti del mondo della grafica, come i flani impressi per la realizzazione delle lastre – che Gribaudo utilizza come supporto per le sue pitture – oppure il polistirolo, il legno, la carta buvard, la lamina metallica e altri. 
Nascono dunque i Logogrifi, il Diario di New York (1961), la lunga serie di Pinocchio, nella quale il burattino viene contestualizzato nelle situazioni più disparate, i Metallogrifi, i Teatri della memoria – dove l’impiego e la tecnica consueta della tipografia è evidente e al contempo uniformemente armonizzata –, i Dinosauri, i Velieri, i Nudi, gli Alberi. E poi le Piramidi, sculture geometriche realizzate dopo il primo allunaggio, le cartelle di incisioni e litografie e i libri d’artista, vere e proprie opere d’arte in esemplari unici. Una commistione di tecniche e materiali che rendono le sue realizzazioni singolari e difficilmente classificabili. Dall’essenzialità delle opere nelle quali il bianco ha un ruolo determinate e dove le forme sono scarne e lineari, si passa a realizzazioni nelle quali animali e forme fantastiche affollano le superfici e il fruitore è trasportato in un’atmosfera giocosa, sognante e piena di colore. Qui viene fuori l’animo "infantile” di Gribaudo, quello di perenne ragazzo, che ha il suo culmine nei Dinosauri e nelle gabbie, opere, quest’ultime, nelle quali antiche gabbiette da uccelli, dalle forme singolari ed esotiche, accolgono al loro interno pesci multicolori o altri piccoli animaletti. 
Da una parte, le opere di Gribaudo risentono dei suoi interessi legati alla grafica, all’editoria e all’architettura e, quindi, di un coté essenzialmente tecnico, dall’altra, invece, l’artista non manca di volgere uno sguardo attento e appassionato alla storia dell’arte, sia a quella antica che a quella coeva, ricavandone profonda fonte d’ispirazione ma anche elementi di partenza per giungere a risultati del tutto personali. La lezione di Goya e di Francis Bacon è, infatti, evidente nelle tre opere di grande formato del 1964, ispirate a episodi della storia italiana dell’Ottocento (le Cinque giornate di Milano, i Martiri di Belfiore e l’impiccagione di Pier Fortunato Calvi) commissionategli dal museo torinese del Risorgimento l’indomani del centenario dell’Unità d’Italia, e che in occasione dei suoi novant’anni, ne rinnova l’interesse con una piccola mostra aperta fino al 27 gennaio. 
Tanti auguri Ezio! (Enrica Ravenni)
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram