Quella statuetta è di Leonardo da Vinci? Una nuova attribuzione che fa discutere 3093 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/04/2019
121 disegni di Andy Warhol saranno esposti per la prima volta a New York
20/04/2019
Il Whitney Museum di New York mette online le risorse sulla sua biennale
20/04/2019
Le squadre della Eredivisie giocano a calcio con Rembrandt
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Quella statuetta è di Leonardo da Vinci? Una nuova attribuzione che fa discutere

   
   
 
Quella statuetta è di Leonardo da Vinci? Una nuova attribuzione che fa discutere
pubblicato

La statuetta in terracotta della collezione del Victoria & Albert Museum di Londra è di Leonardo da Vinci. Ad esserne certo, è Francesco Caglioti, docente di Storia dell’Arte Moderna all’Università degli Studi di Napoli Federico II e tra i massimi esperti di arte del Rinascimento, che ha attribuito la scultura raffigurante la Madonna con il bambino ridente al genio vinciano. 
L’opera misura una quarantina di centimetri, risale al 1465 circa e la scoperta sarebbe sensazionale, perché si tratterebbe dell’unica scultura pervenutaci, realizzata dalla mano del maestro. «Ci sono migliaia di dettagli, che rendono oltremodo certa l’attribuzione», ha spiegato Caglioti in una intervista rilasciata a La Repubblica, facendo riferimento in particolare all’espressione del viso e al drappeggio, molto simili a quelli che si possono ritrovare, per esempio, nel dipinto della Madonna, con bambino e Sant’Anna del 1503. 
Nel corso degli anni, l’opera è stata attribuita a diversi maestri toscani del XV secolo, tra i quali Verrocchio e Desiderio da Settignano e, attualmente, il V&A riporta l’attribuzione ad Antonio Rossellino, scultore che ai suoi tempi ebbe molta fortuna e del quale il museo londinese ha anche altre opere in collezione. La firma di Leonardo non convince però tutti, considerando che la scultura non può essere paragonata ad altri lavori simili, visto che non ce ne sono ma non è la prima volta che si avanza un’ipotesi del genere. Già ai primi del ‘900, c’era una corrente di ricerca che andava in quella direzione e il dibattito si è oggi riacceso. Dalla sua parte anche il collega Tomaso Montanari, docente di Storia dell’Arte moderna presso il medesimo Ateneo, che è certo dell’attribuzione ma invita a evitare i facili scoop. 
In ogni caso, l’opera sarà in esposizione per la prima retrospettiva dedicata al maestro di Leonardo, Andrea del Verrocchio, che aprirà a Palazzo Strozzi il 9 marzo, a cura proprio di Caglioti e Andrea De Marchi. In mostra, 120 opere, tra dipinti, sculture e disegni, legati alla sua bottega – quindi realizzati da artisti come Domenico del Ghirlandaio, Sandro Botticelli, Pietro Perugino – e provenienti dai più importanti musei del mondo, come il Metropolitan di New York, il Louvre di Parigi, il Rijksmuseum di Amsterdam, oltre al V&A di Londra e alle Gallerie degli Uffizi di Firenze.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

1 commento trovato 

08/03/2019
Solari Ernesto, Como
http://Www.museosolari.net
Questa Madonna dalle gambe corte non può essere di Leonardo, ecco perché......
http://www.museosolari.net/Rossellino_pagina_1.htm


Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram