Tra sogno e incubo, i Diari notturni di Elisa Filomena da Circoloquadro di Milano 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/03/2019
L’open day della Rome University of Fine Arts, per rilanciare San Lorenzo
19/03/2019
ARTOUR-O il MUST compie quindici anni e festeggia a Firenze, tra arte design e moda
19/03/2019
A Walk on the Wildside alla New York Public Library, con l'archivio di Lou Reed
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Tra sogno e incubo, i Diari notturni di Elisa Filomena da Circoloquadro di Milano

   
   
 
Tra sogno e incubo, i Diari notturni di Elisa Filomena da Circoloquadro di Milano
pubblicato

La mostra "Diario Notturno”, di Elisa Filomena, visitabile fino al 7 aprile da Circoloquadro, a Milano, apre il dibattito sul potentissimo spazio che intercorre tra l’opera e l’artista. Per la mostra personale, anzi, molto personale, l’artista nata 1976 a Torino presenta decine di dipinti su carta, con protagonisti perlopiù femminili e, ad attirare l’attenzione, è una certa dualità. I ritratti dei visi e dei corpi sono a volte pacificanti e affascinanti, come se provenissero dal mondo della moda, mentre altre volte rimandano all’incubo, con i loro occhi contusi, con il sangue che fuoriesce dalle orecchie, con gli sguardi inquietanti. 
L’artista dipinge sempre di notte, usando una luce soffusa e spesso con gli occhi socchiusi, lasciandosi afferrare dall’immaginazione e dalla passione. Filomena descrive se stessa come una specie di medium spirituale, non sempre consapevole di ciò che le succede, mentre dipinge. C’è un motivo per cui è stata menzionata la poesia introducendo l’opera di Filomena: descrivendola si potrebbe arrivare anche all’haiku, una poesia minimalista, in cui a volte un segno lasciato da una parola di tre lettere basta per capire il significato al volo. 
La spontaneità di un fanciullo e l’estrema freschezza contraddistinguono questa mostra, non solo per il contenuto dei lavori ma anche per il modo di esibirli: attaccati al muro bianco senza fatica, come improvvisati, non incorniciati, liberi come il gesto pittorico, delicato ma notevole per la sua forza spirituale. (Dobroslawa Nowak)
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram