in fumo_recensioni - In Italia sono tutti maschi 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/10/2018
Bansky ha pubblicato un video in cui svela i dettagli dietro la distruzione di Girl With Balloon
19/10/2018
Al Palacio de Gaviria di Madrid va in scena Domus, la personale di Francesca Leone
19/10/2018
Strabismo di Leonardo. Il disturbo sarebbe stato decisivo per le sue opere
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

in fumo_recensioni
In Italia sono tutti maschi

   
 È toccante e diretto il fumetto che si contamina col linguaggio cinematografico e racconta con forza la guerra all’omertoso silenzio. Ecco la graphic novel della coppia Colaone-de Santis. E la storia di un omosessuale d’inizio Novecento... manuela de leonardis 
 
pubblicato
Lui è Antonio Angelicola, detto Ninella, 75 anni. Vive a Salerno, dov’è nato e cresciuto, ereditando dalla mamma sarta passione, professione e bottega. Loro sono Rocco e Nico, due giovani documentaristi che ripercorrono la storia di Antonio, ovvero la storia di un “femminiello” o “pederasta”, colpevole delle sue scelte sessuali. Perché i gay (parliamo di tutti quelli che “non avevano santi in paradiso”), tra il 1928 (e ancora di più dopo le leggi razziali del ’38) e il 1943, in Italia erano bollati come “seri e pericolosi nocumenti per la società” e per questo puniti e mandati al confino.
Ufficialmente la condanna era per “delitti contro la razza”, oppure per motivi politici (quando non avevano la tessera fascista). I soggiorni obbligati si scontavano in luoghi isolati, come le isole Tremiti, dove si svolge una parte di In Italia sono tutti maschi. A San Domino venivano spediti gli omosessuali (soprattutto uomini; quanto alle donne, risulta ancor più difficile trovarne traccia nei documenti d’archivio), mentre nell’isoletta di fronte, San Nicola, c’erano i detenuti “normali”.
Poi venne la guerra. Chi era ancora confinato tornò a casa, dove lo aspettavano lo scandalo e il disprezzo”, scrivono Tommaso Giartosio e Gianfranco Goretti nel testo introduttivo. “Anche dopo il ’45, la neonata Repubblica non si preoccupò certo di risarcire i perseguitati così poco ‘eroici’. Gli omosessuali stessi preferirono non farsi avanti: l’omofobia non era affatto scomparsa. Cadde il silenzio su oppressori, oppressi e spettatori non imparziali”.
Una illustrazione da In Italia sono tutti maschi
Quasi settant’anni dopo, contribuiscono a lacerare questo silenzio - con grande sensibilità e immancabile senso dello humor - Sara Colaone, illustratrice e docente di fumetto e illustrazione all’Accademia di Belle Arti di Bologna, e Luca de Santis, sceneggiatore, videomaker, autore teatrale e radiofonico. I due hanno già collaborato al cortometraggio d’animazione Le malefiche disavventure di Mr. Hiv e al fumetto-cortometraggio Cream, sull’orientamento sessuale giovanile.
La struttura narrativa del racconto si avvale del linguaggio cinematografico del flashback. Partendo dal presente - la prima pagina del libro è un tratto dell’Autostrada del Sole, direzione Salerno, in cui pensieri e domande si concentrano negli ovali - il libro punta al dialogo-confronto con il passato. In un bianco e nero “antichizzato” dall’ocra saltano fuori vecchi ricordi. Si parla di vita, amore, dolore, disonore, amicizia, morte, ingiustizia, punizione, pregiudizio.
Una tavola della graphic novel di Luca de Santis & Sara Colaone
Colaone e de Santis, nel raccontare le vicende di Antonio, si ispirano a una storia vera, quella di Giuseppe B., di cui, nelle ultime pagine del volume, è riportata l’intervista raccolta dal giornalista Giovanni Dall’Orto: “Ci hanno portato lì alle Tremiti, e ognuno cercava di fare la sua attività: chi sapeva fare il calzolaio faceva il calzolaio, chi sapeva fare il sarto faceva il sarto, eccetera”, racconta il protagonista. “Io facevo il lavoro più bello: facevo ‘la sarta’ per i carabinieri, e me li trovavo tutte le mattine alle sei mezzi spogliati... Ce n’era uno che si chiamava V.: quanto era bello!”.
L’ironia non manca, ma neanche l’amarezza dell’impotenza: “Quando ritornammo a casa, dopo due anni di ammonizione, abbiamo chiesto tutti la riabilitazione allo Stato. Nessuno è riuscito ad ottenerla”.

articoli correlati
Vita e cultura gay

manuela de leonardis

la rubrica in fumo è diretta da gianluca testa


Luca de Santis & Sara Colaone - In Italia sono tutti maschi
Kappa, Bologna 2008
Pagg. 173, ill. col., € 16
ISBN 9788874711789
Info: la scheda dell'editore


[exibart]


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di manuela de leonardis
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Luca de Santis, Sara Colaone
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram