Frieze New York apre alle "eccezioni" 3167 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Frieze New York apre alle "eccezioni"

   
   
 
Frieze New York apre alle "eccezioni"
pubblicato

Un piccolo passo per una fiera, un grande passo per il mercato dell’arte. Frieze New York cambiato leggermente i criteri di ammissione all’edizione 2018 della fiera con una semplice frase. I candidati alla sezione principale della fiera devono "mostrare un programma internazionale di artisti e presentare almeno quattro mostre all'anno nella loro galleria", oltre ad essere "un'impresa commerciale". La novità arriva subito dopo con la frase "Le eccezioni saranno esaminate caso per caso".  E le eccezioni non tardano a presentarsi, la dealer Nicole Klagsbrun, che ha chiuso la sua galleria di New York nel 2013, sarà uno dei pochi nomi nella sezione principale a non avere uno spazio fisico nella galleria. Un altro espositore, Tif Sigfrid, è attualmente senza spazio, in attesa di trasferirsi da Los Angeles ad Atene, in Georgia; questa sarà la sua terza partecipazione a Frieze New York. Molti galleristi hanno sentimenti contrastanti su questo cambiamento, mentre altri lo considerano in linea con l’identità della fiera londinese. A prescindere dai pareri personali è evidente che è necessario trovare una nuova formula per adeguarsi alle necessità di quella serie di gallerie che hanno scelto di abbandonare lo spazio fisico per motivi economici, o sono semplicemente nate come gallerie online. (RP)



 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram