02 aprile 2021

#Easteria, lo sguardo di Giulio Marchetti sul presente

di

Da poco uscito con il suo nuovo lavoro Easteria, Giulio Marchetti ci ha raccontato il suo approccio all'arte

Giulio Marchetti, EASTERIA (opera attuale per la Pasqua), courtesy l'artista

I lavori di Giulio Marchetti (1982, Roma) rileggono la realtà con ironia, cogliendone contraddizioni e paradossi. Abbiamo parlato con lui del suo approccio.

Le parole di Giulio Marchetti

I Suoi lavori più recenti tematizzano le festività classiche, come il Natale, San Valentino, la Pasqua, con uno sguardo molto particolare. Ci può raccontare il Suo approccio e come è nato?

«Sinceramente questo breve ciclo di opere è iniziato a Natale con Dramazon.
La mia opera è uscita su la Repubblica e la redazione mi ha proposto un’intervista il giorno stesso.Ho ricevuto così ottimi riscontri e mi sono convinto a ripetere l’operazione.
Sul calendario la festività successiva era San Valentino (opera: Modern Heart).
E dopo ancora, Pasqua (opera: Easteria)».

Giulio Marchetti, DRAMAZON (Natale), courtesy l’artista

Più in generale, qual è il Suo percorso artistico e a quali altre serie o su quali altre tematiche lavora?

«In generale nasco come poeta. Avevo infatti in programma una mostra fisica a metà tra la poesia e l’arte concettuale. La pandemia però ha cambiato (almeno temporaneamente) i miei piani e mi sono dedicato alla digital art».

Nell’ultimo anno, a causa della pandemia, la diffusione del Suo lavoro si è spostata soprattutto sui social. Che cosa pensa del rapporto tra arte e web?

«Come dicevo, in epoca di pandemia, la fruizione digitale agevola molte forme d’arte, se non altro dal punto di vista della divulgazione. Ovviamente l’arte ha sempre i suoi contesti istituzionali in cui un artista è chiamato a consacrarsi per trovare un posto nella storia dell’arte. Tuttavia, a proposito di crypto art, il fenomeno Beeple non è da sottovalutare».

Giulio Marchetti, MODERN HEART (San Valentino), courtesy l’artista

Dove potremo vedere il Suo lavoro nei prossimi mesi?

«I programmi per una esposizione classica si sono leggermente raffreddati a causa dell’emergenza sanitaria. Già da un anno ormai realizzo opere digitali.
La prima è stata The Razor, realizzata con il collettivo Gruppo Mira, che è rientrata nella selezione di 100 cartoline al contest fotografico aperto a tutta la cittadinanza “Paesaggi inimmaginabili. Cartoline dal nostro pianeta” organizzata da BienNoLo e ArtCityLab e a cui hanno aderito oltre 400 artisti, appassionati, professionisti, studenti».

Giulio Marchetti, MODERN HEART (San Valentino), courtesy l’artista

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui