31 marzo 2021

Il contemporaneo nei borghi d’Italia: ritorna una Boccata d’Arte

di

Fondazione Elpis e Galleria Continua annunciano le date della seconda edizione di “Una boccata d’arte”, progetto d’arte diffusa tra i borghi più suggestivi delle 20 Regioni d’Italia

Quando si parla delle grandi potenzialità dell’arte diffusa, c’è qualcuno che prende l’argomento decisamente sul serio. Per esempio Fondazione Elpis e Galleria Continua, che hanno appena annunciato le date della seconda edizione “Una Boccata d’Arte“, progetto espositivo che coinvolge l’intero territorio nazionale, letteralmente. La Fondazione costituita nel 2020 dall’imprenditrice e collezionista Marina Nissim, insieme alla storica galleria d’arte contemporanea fondata nel 1990 da Mario Cristiani, Lorenzo Fiaschi e Maurizio Rigillo, ribadisce la stessa formula dello scorso anno: 20 artisti per altrettanti progetti, in 20 Regioni, dal 26 giugno al 26 settembre.

«Questo progetto è spinto da un grande desiderio di bellezza, più che mai urgente in questo periodo difficile, rilanciando l’arte visiva contemporanea e promuovendo la scoperta del nostro patrimonio e paesaggio nazionale, soprattutto di quello meno noto. Questa edizione, inoltre, coinvolge tantissimi giovani fra gli artisti invitati, ma anche nel gruppo operativo e organizzativo, con un chiaro desiderio di visioni nuove e nuove prospettive nel mondo della cultura e dell’arte», ha dichiarato Maurizio Rigillo, di Galleria Continua che, recentemente, nel gennaio 2021, ha inaugurato un nuovo spazio espositivo a Parigi, nel quartiere Le Marais ma che continua a mantenere un legame molto forte con l’Italia e, in particolare, con la dimensione territoriale.

Insomma, una boccata d’arte corroborante, che ci accompagnerà durante i prossimi mesi estivi, scandendo, magari, le tappe delle nostre vacanze culturali e rianimando il turismo di prossimità che, tra le altre cose, è anche uno dei temi più urgenti sollevati dalla pandemia e dalle restrizioni agli spostamenti. Obiettivo del progetto, infatti, è intessere un dialogo armonico tra architettura e paesaggio, tra suggestioni storiche e contemporanee, alla riscoperta dei borghi più belli d’Italia. Tra i numerosi siti candidati, i 20 borghi scelti quest’anno sono stati selezionati in base alla dimensione abitativa, sotto i 5mila abitanti, sono: Abbateggio (PE) in Abruzzo; Pietragalla (PZ) in Basilicata; Civita (CS) in Calabria; Gesualdo (AV) in Campania; Portico e San Benedetto (FC) in Emilia Romagna; Polcenigo (PN) in Friuli- Venezia Giulia; Tolfa (RM) nel Lazio; Varese Ligure (SP) in Liguria; Cornello dei Tasso (BG) in Lombardia; Corinaldo (AN) nelle Marche; Fornelli (IS) in Molise; Monastero Bormida (AT) in Piemonte; Pietramontecorvino (FG) in Puglia; Tratalias (CI) in Sardegna; Centuripe (EN) in Sicilia; Radicondoli (SI) in Toscana; Santa Geltrude (BZ) in Trentino-Alto Adige; Vallo di Nera (PG) in Umbria; Gressoney Saint Jean (AO) in Valle d’Aosta; Battaglia Terme (PD) in Veneto. Gli artisti che saranno selezionati, realizzeranno i loro interventi in situ.

«La prima edizione di Una Boccata d’Arte ha raggiunto una sua compiutezza potente e del tutto originale, riscuotendo un grande successo sia di critica sia di partecipazione», ha commentato Marina Nissim, Presidente di Fondazione Elpis. «Per me è una gioia e una soddisfazione enorme, un risultato che mi ha confortato e colpito nel profondo della mia sensibilità. Ho partecipato a inaugurazioni e fatto visite in quasi tutti i borghi che hanno partecipato e ne ho ricavato vicinanza e calore, pur nel distanziamento sociale. Ho fatto la cosa giusta, ne sono persuasa e felice. Tutto ciò crea il presupposto ideale per progettare una seconda edizione di Una Boccata d’Arte».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui