decibel_talenti laterali - Intervista a Laminar 3084 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
24/09/2018
Gli studenti delle università milanesi sono amici della Triennale. In arrivo 500 tessere
24/09/2018
Japonisme mon amour. Tre antichi testi di disegni Nihonga online su Public Domain Review
24/09/2018
Sei racconti alla Casa delle Donne di Roma. Raffale Gavarro parla della differenza
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

decibel_talenti laterali
Intervista a Laminar

   
 Si è svolto dal 13 al 23 febbraio ad Amsterdam il Sonic Acts Festival: Sonic Light 2003. Tra i molti protagonisti si è esibito anche Laminar. Decibel l'ha intervistato. La formazione, i sogni e i consigli per la comprensione e l'ascolto di un “investigatore del suono”… Francesca De Nicolò 
 
pubblicato
Grazie al suo album Ante-chamber, Laminar è stato definito the duke of noise. E di rumori tratta anche il suo ultimo disco Mainfold (Soleilmoon Recordings, ottobre 2003): una ricerca sui fenomeni sonori naturali della vita di tutti i giorni. Sono questi “fenomeni sonici” che Laminar capta e amplifica rendendoli musica. Al Sonic Light 2003, Laminar si è esibito con Retentions.

Che tipo di studi hai fatto per arrivare a questo punto di sperimentazione? O sei autodidatta?
Ho studiato la teoria DSP (digital signal processing) da autodidatta anche se ho frequentato dei workshop per capirci veramente qualcosa. Adesso è molto più semplice.
Laminar
Tu sei artista e performer. Ci sono possibilità di lavoro in questo campo? C'è mercato?
Sì, ci sono opportunità di lavorare in questo campo. I festival e le istituzioni che promuovono musica alternativa sono un esempio. Inoltre ci sono più possibilità in Europa che negli Stati uniti.

Come consideri il fenomeno della "laptop culture", l'attrezzatura leggera delle performance?
Ne sono entusiasta. Questa è la direzione verso cui si sta evolvendo l'arte del live media act.

Come definiresti il tuo lavoro?
Rigidamente massimalista.

Se dovessi suggerire una parola chiave da cui cominciare una ricerca su internet per conoscere di più il tuo campo quale suggeriresti e perché?
Direi "Complessità" (complexity), perché contiene la nozione di caos, di catastrofe (suggerisco in senso etimologico n.d.t.), di anarchia, di irriducibilità e di qualcosa che sta per emergere.
Laminar
E dopo la ricerca, la documentazione: ci sono delle librerie, delle fondazioni presso cui cercare materiale di studio?
A New York direi di andare al St. Mark's Books, terza Avenue e St. Mark's Place. E poi un libro esplicativo e molto bello è sicuramente Microsound, di Curtis Roads per The MIT Press - 2001.

Le università e le istituzioni culturali sono attente alla vostra ricerca?
Sì. Alcune. Soprattutto sono intrigate, ma non sanno bene contestualizzare la materia.

Ti ispiri a qualcuno nel tuo lavoro?
A nessuno in particolare, ma subisco molte influenze, per esempio: Iannis Xenakis, Dziga Vertov, Agostino Di Scipio, e il primo Karlheinz Stockhausen.

Qual è il tuo sogno?
Applicare l'audio-visivo su modelli di dinamica fluida.

articoli correlati
Sonic Light 2003
link correlati
epitonic.com/artists/laminar.html
jdkproductions.com
live streaming
è possibile rivedere il festival in differita
dfm.nu/tech/warez/list.htm
forms.real.com/real/player/blackjack.html

francesca d'antona
intervista 14 febbraio 2003


Sonicacts presenta Sonic Light 2003 - nona edizione. 13 thru 23 Febbraio; Amsterdam; Paradiso e De Baile

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Francesca De Nicolò
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Agostino Di Scipio, Iannis Xenakis, Karlheinz Stockhausen
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram