02 dicembre 2019

A Bologna, Politico Poetico mette in dialogo arte e cittadinanza

di

Presentato a Bologna Politico Poetico, il nuovo progetto artistico di cittadinanza attiva che coinvolge i giovanissimi, per creare un ponte tra il pensiero e l'azione

Una marea di ragazzi ha invaso l’Arena del Sole di Bologna: saranno stati almeno 400, da tutti gli istituti superiori della città, per assistere, nella serata di giovedì, 28 novembre, alla presentazione di Politico Poetico, il nuovo progetto artistico e di cittadinanza attiva lanciato dalla Compagnia Teatro dell’Argine nell’ambito di Così sarà! La città che vogliamo, il percorso culturale-partecipativo biennale per giovani bolognesi dagli 11 ai 25 anni promosso da ERT – Emilia Romagna Teatro.

Politico Poetico è un progetto di portata rivoluzionaria che da un lato cerca di sensibilizzare i giovani all’impegno politico e sociale, dall’altro tenta di creare un ponte tra il pensiero e l’azione, mettendo in relazione i pensieri dei ragazzi e la città di Bologna, come recita il claim «Politico Poetico è pensare globale e agire locale. Politico Poetico è un nuovo patto tra teatro, adolescenti e città».

Per questo grande progetto sono stati chiamati nomi illustri per stimolare la giovane platea: da Pif a Igiaba Scego, e poi ancora il segretario di ASviS Luigi Ferrata e il Vicepresidente Nazionale Legambiente Edoardo Zanchini.

Parlamento e Labirinto: le due sezioni di Politico Poetico

Fino a giugno 2020 il progetto è diviso in due azioni principali: il Parlamento, un laboratorio di cittadinanza attiva organizzato in decine di tavoli tematici, migliaia di ore di laboratori, conferenze e serate pubbliche sui temi dell’Agenda 2030 dell’ONU; e il Labirinto, uno spettacolo immersivo ed esperienziale che proverà a comprendere e dare voce all’adolescenza più fragile e nascosta.

Entrambe le azioni avranno una restituzione pubblica, il 14 aprile e il 3 giugno, sempre all’Arena del Sole: saranno i ragazzi a dare ai nostri rappresentanti soluzioni attive per il futuro nostro, loro e dalla città.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui