10 gennaio 2021

Addio a Lara-Vinca Masini, grande storica dell’arte del Novecento

di

La storia dell’arte contemporanea perde una delle sue voci più cristalline: scompare a Firenze Lara-Vinca Masini. Il suo Archivio andrà al Centro Pecci di Prato

Lara Vinca Masini

Ci ha lasciato a 94 anni Lara-Vinca Masini. Studiosa, ricercatrice e critica militante di rara lucidità. Dagli anni Sessanta ha avuto un ruolo dominante nell’arte contemporanea sia come autrice di articoli, saggi e monografie sia per l’organizzazione di mostre e manifestazioni.
Tra le tante esposizioni che hanno costellato la sua lunga attività è nella mente di tutti coloro che non sono più giovanissimi “Umanesimo Disumanesimo nell’arte europea 1890/1980” realizzata a Firenze nel 1980, primo forte segnale del “nuovo” e prima riflessione sul rapporto tra arte pubblica e spazi urbani. È stato un tentativo – all’epoca non compreso – di spogliare Firenze dall’immagine stereotipata del Rinascimento. Masini è sempre stata “avanti” sui tempi e questo ha fatto sì che spesso, non trovandosi allineata con il comune sentire, non fosse riconosciuta e amata dai suoi concittadini.
È stata comunque un punto di riferimento per le generazioni a venire per le sue fulminanti intuizioni e per le sue posizioni spesso radicali e controcorrente; con la sua vis polemica ha mantenuto vivo il dibattito culturale a Firenze lanciando la città in un contesto “contemporaneo”.

Negli anni Settanta è stata alla guida del Museo Progressivo d’Arte Contemporanea di Livorno che si è dimostrato uno dei progetti più innovativi dell’Italia di quegli anni con la prima Biennale d’Arte Contemporanea della città, curata insieme a Vittorio Fagone. Nel 1978, ha partecipato alla Commissione italiana per le Arti Visive e per la Sezione Architettura della Biennale di Venezia. L’architettura, infatti, oltre al design e alle arti applicate, è stata tra gli argomenti che le sono stati a cuore. Non ha mai creato delle scuderie ma ha seguito in modo meticoloso i singoli artisti in cui ha creduto. Il suo archivio – destinato a far parte del Centro di Documentazione Arti Visive del Museo Pecci di Prato – raccoglie un notevole patrimonio documentario dato da rari materiali a stampa, lettere e fotografie che sono stati alla base dei poliedrici studi transdisciplinari che Lara-Vinca Masini ha portato avanti nel tempo.

Il continuo contatto e dialogo con gli artisti le ha permesso di partecipare attivamente alla temperie culturale del secondo versante del XX secolo e di scrivere importanti saggi come Arte Contemporanea. La linea dell’unicità (Firenze, 1989), il Dizionario del fare arte contemporaneo (Firenze, 1992). Tra le sue ultime pubblicazioni Scritti scelti 1961-2019. Arte Architettura Design Arti applicate a cura di Alessandra Acocella e Angelika Stepken (Pistoia, 2020) che raccoglie una selezione dei suoi più importanti saggi pubblicati negli anni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui